Home»Design»Casa Lago Milano, un modo nuovo di proporre il design

Casa Lago Milano, un modo nuovo di proporre il design

È stato inaugurato il 3 dicembre scorso un nuovo spazio dedicato al design nel cuore della capitale meneghina: Casa Lago Milano, un appartamento che è anche showroom e spazio di lavoro condiviso. Una soluzione inedita, “vissuta e da vivere” che ripensa la progettazione e la sua comunicazione.

La realtà dell’azienda Lago da tempo propone i propri prodotti – inizialmente solo per la casa (cucine, tavoli, sedie, letti, divani, armadi e librerie…) – con un metodo decisamente fuori dai soliti schemi a cui siamo tradizionalmente abituati.

Nel 2009 realizza un appartamento, ancora oggi realmente abitato, arredato con prodotti di propria progettazione e creazione. Questo spazio, unico nel suo genere, viene periodicamente aperto al pubblico, ad esempio in occasione del Salone del Mobile: chi entra può utilizzare tutto ciò che trova, libero di sentirsi come a casa propria. Di fatto, Lago ha reinventato il rapporto azienda-consumatore-prodotto, passando dall’essere produttore con alcuni punti vendita a ecosistema del progetto di interni.

casa-lago-milano
Casa Lago Milano, l’ingresso.

Sentirsi a casa nello spazio di lavoro

A fine 2016, Lago inaugura un nuovo format, un’evoluzione dello spazio aperto qualche anno prima, che chiama Casa Lago Milano. Qui, a due passi dal Duomo, trova forma e sostanza la filosofia dell’azienda: portare l’home-feeling in uno spazio per il lavoro con sale conferenze, zone di coworking, uffici temporanei, area bar, spazio ristorante con cucina professionale e due piccoli appartamenti.

Gli spazi possono essere riconfigurati per adattarsi alle più diverse esigenze e vengono affittati in parte o integralmente. In totale sono 400 metri quadrati di casa-showroom per i prodotti di arredo, che rappresentano anche un nuovo punto di riferimento cittadino nel mondo degli spazi di lavoro condivisi e degli eventi.

casa-lago-milano
Casa Lago Milano, l’appartamento.

I social media al servizio del design

Parte integrante di questo approccio è un impegno deciso e strutturato in attività di comunicazione 2.0, considerata un asset strategico per questa azienda. I partner commerciali diventano così anche partner digitali e la rete dell’azienda si evolve online e offline, rafforzandone il legame: rivenditori di arredi, progettisti indipendenti, flagship store, hotel, B&B, negozi fanno parte dell’interior design network di Lago dove continuano scambi e sinergie utili per tutte le parti.

Oggi infatti nel processo di scelta di un prodotto o servizio entrano in gioco anche i valori e la filosofia dell’azienda che sta a monte. Lago ha colto questi aspetti che sono parte integrante della comunicazione del brand. Così, #Relazioni, #condivisione, #partecipazione e #connessioni sono le parole chiave dell’approccio di questa azienda che ha una storia antica ma è sempre pronta a sperimentare nuovi percorsi per affermarsi sul mercato globale, in definitiva una realtà proiettata verso il futuro.

Sul blog Storie di Design di DSforDESIGN pubblicheremo prossimamente l’intervista a Daniele Lago, colui che ha immaginato e realizzato questo approccio tutt’altro che classico al design. Con lui capiremo quanto l’esplorazione delle più attuali tecniche di marketing e l’uso della narrazione del design possano fare la differenza, anche per il made in Italy nel mondo. Pratica questa ancora troppo poco diffusa e così necessaria.

Previous post

Il lavoro di Chris Ulmer nelle "scuole speciali": ogni bambino è un libro

Next post

Viaggiare comodi, connessi e sicuri

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *