Home»Fashion»Giovanna Nicolai: una storia di tradizione e imprenditorialità

Giovanna Nicolai: una storia di tradizione e imprenditorialità

Il nome Giovanna Nicolai potrebbe trarre in inganno: a prima vista si potrebbe pensare che si tratti di un brand al femminile, ma in realtà la storia che si cela dietro a questo marchio d’alta moda tutto Made in Italy è molto affascinante e affonda le sue radici nella tradizione.

Dietro al nome Giovanna Nicolai, divenuto ormai un vero e proprio brand di riferimento nel mondo dell’haute couture italiana, c’è infatti un giovane uomo di nome Daniele Macellari. In realtà il legame tra Daniele e Giovanna è uno dei più belli che possa esistere: quello tra nonna e nipote.

Giovanna Nicolai: una tradizione di famiglia

Daniele Macellari ha ereditato da sua nonna Giovanna Nicolai l’amore per la moda e per la tradizione sartoriale italiana. La signora Nicolai iniziò la sua attività negli anni ’50 insieme al marito: a quei tempi la moda italiana stava rapidamente prendendo quota nel panorama nostrano, trainata dal benessere veicolato dal boom economico e da una condizione artistica e culturale decisamente florida.

Giovanna Nicolai iniziò così il proprio lavoro nel modo più tradizionale e romantico possibile in quegli anni, ovvero realizzando delle piccole collezioni da proporre alle clienti della boutique di famiglia. All’epoca erano le botteghe artigiane e gli atelier a conduzione familiare a farla da padrone: i clienti arrivavano e venivano accolti con tutti gli onori del caso, provavano gli abiti, si facevano consigliare e spesso erano gli stessi couturier a controllare che l’abito calzasse a pennello, apportando le modifiche del caso.

Era un’epoca in cui la moda rispondeva alle esigenze del cliente in tutto e per tutto e in cui gli abiti raccontavano la storia di chi li aveva creati e di chi li indossava.

Si trattava di rituali semplici, ma che custodivano una grande tradizione purtroppo andata un po’ perduta negli anni, schiacciata da logiche di business che al giorno d’oggi puntano sulla velocità di produzione piuttosto che sulla qualità.

Per fortuna però alcune storie di tradizione sartoriale ancora sopravvivono e quella di Daniele Macellari che ha ereditato da sua nonna Giovanna l’amore per la moda e per i capi realizzati a mano secondo una logica di qualità, è proprio una di queste.

giovanna-nicolai-spring-summer-2017

Giovanna Nicolai: il brand rivive oggi

La consapevolezza stilistica è infatti stata tramandata dalla signora Giovanna alle figlie Sabrina e Fabiola che, insieme al nipote Daniele, proseguono oggi questa storia fatta di bellezza, amore familiare, arte, tradizione sartoriale e imprenditorialità.

Anzi, Daniele Macellari ha avuto un’intuizione davvero particolare perché, pur mantenendo salda l’identità locale del progetto, ha voluto regalargli un respiro molto più ampio, deciso a far conoscere le creazioni firmate da Giovanna Nicolai anche al di fuori dei confini nazionali.

Eppure Daniele ha intrapreso questo percorso in modo abbastanza casuale perchè si è ritrovato a 25 anni, dopo percorsi di studi e lavorativi distanti anni luce da quello che è ora il suo contesto, a ritrovare le esperienze di vita vissuta sin dall’infanzia nella realtà familiare, riscoprendone tutte le dinamiche, l’entusiasmo e acquisendo tutte le nozioni funzionali al progetto. Da lì Daniele ha iniziato a contestualizzare in chiave attuale queste nozioni, aggiungendo il proprio tocco personale.

Giovanna Nicolai: una vera storia italiana

Quello che rende ancora più particolare questa storia tutta italiana di artigianalità e tradizione sartoriale, è indubbiamente il fatto che Daniele, con la sua visione manageriale e contemporanea del mondo della moda, abbia portato una ventata di rinnovamento nel brand di sua nonna Giovanna senza per questo snaturarlo.

Mantenendo un dna fortemente improntato alla tradizione e alla qualità e mantenendo sempre attivo il confronto con il suo staff, senza mai perdere d’occhio i mercati di riferimento, Daniele Macellari è riuscito a creare una squadra lavorativa molto liquida in cui trovano posto artigiani, ma anche cool hunter perennemente a caccia di nuove tendenze; modellisti e sarte, ma anche grafici che danno il proprio fondamentale contributo alle collezioni Giovanna Nicolai.

giovanna-nicolai-lèger-spring-summer-17

In questa continua fusione tra tradizione e innovazione, la storia di Giovanna Nicolai e di chi ha voluto proseguire il suo percorso artigianale, è la storia di un’Italia che ha ancora molto da dare nel campo della moda.

Si tratta di un brand che rappresenta al meglio quello di cui ha bisogno la moda italiana oggi: tradizione, qualità, materie prime di un certo livello, manodopera specializzata ma, allo stesso tempo, flessibilità, capacità di integrare le nuove tecnologie e di sapere mescolare il tutto senza che le collezioni perdano un grammo del proprio fascino e della propria italianità.

Sinonimo di eccellenza italiana, contestualizzata in quelle che sono le esigenze del mercato globale, Giovanna Nicolai è un brand dei giorni nostri, giorni in cui – nonostante tutto – la moda ci fa ancora sognare…

Previous post

#NoTAP e Salento: quale futuro per il turismo?

Next post

Aperitivo con gli antichi Romani... a Milano!

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *