Home»tecnologia»Jun, la città che usa Twitter per parlare con i residenti

Jun, la città che usa Twitter per parlare con i residenti

Si parla tanto della crisi di Twitter, “Quale sarà il futuro del social media?” è la domanda più comune, anche in virtù delle ultime notizie sulle dimissioni di 5 importanti manager dell’azienda. Il social dovrà sicuramente definire il proprio business e trovare una collocazione tra la concorrenza, in primis quella di Facebook che, inserendo hashtag e video, va in diretta concorrenza sul territorio ad oggi esclusivo del social dal facile cinguettio.

Esistono delle prerogative, delle esclusive, e qui Twitter la fa da padrona: Jun, una cittadina spagnola, ha deciso di utilizzare il social per le richieste da avanzare all’amministrazione. Un utilizzo partito dal sindaco che ha comunicato ai suoi cittadini quale fosse il canale diretto per comunicare con lui e gli altri funzionari.

Dai fili scoperti di un palo elettrico alla sostituzione della lampadina di un palo della luce, tutto avviene tramite Twitter; quello che sorprende (in senso positivo) è l’uso corretto che se ne fa: nel caso della lampadina, il sindaco ha risposto immediatamente al cittadino taggando il funzionario che il giorno successivo sarebbe intervenuto nella sostituzione del guasto.

 

Il sindaco di Jun, Rodriguez, è sicuro che il modello possa essere esportato in altre città: conscio della difficoltà di trattare tematiche complesse tramite il social (queste necessitano della classica riunione comunale), la vicinanza con il cittadino è fondamentale e Twitter è un ottimo strumento di relazione alla pari.

 

Previous post

Buona Pasqua in Ticino

Next post

La Generazione Erasmus in lutto

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *