Home»tecnologia»Web e social»La realtà virtuale entro in auto grazie a Google e Volvo

La realtà virtuale entro in auto grazie a Google e Volvo

Google e Volvo insieme per una nuova esperienza d'uso del drive test: la realtà aumentata stravolge il settore automobilistico

La realtà virtuale sta per entrare prepotentemente nel nostro quotidiano: abbiamo parlato tempo fa di Modiface e delle potenzialità che sta sviluppando nel mondo del makeup e della chirurgia estetica; oggi parliamo di auto e simulazioni al confine con la realtà.

Un progetto collaudato e distribuito è Oculus, cioè la realtà virtuale secondo Facebook: un “classico” paio di occhiali con schermo incorporato che trasporta gli utilizzatori in dimensioni terze, appunto, in realtà diverse dalla nostra. Ad oggi Oculus ha applicazioni ludiche, quasi esclusivamente dedicate ai videogiochi; cosa si può fare per andare oltre?

Ci ha pensato Google: la relatà virtuale di Google si chiama Cardboard, anche qui nella forma di occhiali, ma a basso costo: li si deve costruire da sè, sono a basso costo e sono disponibili anche le istruzioni per farli in casa!

Con la facilità di accesso a questa tecnologia e il costo veramente basso, Volvo, il colosso automobilistico, ha pensato di sfruttare al meglio le potenzialità dello strumento: portare il futuro cliente all’interno delle auto Volvo e far vivere un’esperienza di vita nuova, coinvolgente ed emozionante.

Una novità che potrebbe cambiare le sorti delle case automobilistiche, il loro modo di fare pubblicità, ma anche una nuova concezione del “test drive”.

 

Previous post

Appassionati di camelie? La meta giusta è Locarno

Next post

Soggiornare in un faro: tra sogno e realtà

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *