Home»tecnologia»Web e social»ModiFace: la realtà virtuale del makeup (e non solo)

ModiFace: la realtà virtuale del makeup (e non solo)

Modiface, la APP che permette di simulare il makeup di una persona grazie alla realtà aumentata

La bellezza è un’arma: i paesaggi incantano con la loro maestosità, il mare con il senso di infinito e di profondità, l’uomo con la sua unicità e voglia di scoperte. Proprio l’uomo ha da sempre utilizzato delle soluzioni esterne per accentuare i propri punti di forza, con colori, tatuaggi e accessori per adornare il corpo.

Oggi l’industria del makeup è una delle più importanti a livello mondiale, con aziende che fatturano miliardi di euro all’anno e adolescenti, ragazzi e ragazze, che si apprestano ad utilizzare tali prodotti in età sempre più giovane (da dire anche se ci si trucca anche in età sempre più avanzata).

Quante volte abbiamo assistito alla scena della scelta di un accessorio, di un trucco, ma di cui l’acquirente non fosse completamente convinto? Si sa che colore è, ma non si sa che colore darà ai nostri lineamenti, come sarà nel tempo, quali emozioni farà scattare in noi e nelle persone che ci vedranno.

Da tali fattori emozionali nasce ModiFace: una APP potentissima, il cui motore è alla base di numerose APP di simulazione, che permette di simulare qualsiasi tipo di trucco sul proprio viso. La funzionalità è immediata: con la APP si inquadra il proprio viso e si simula il colore, il tipo di trucco e tutto ciò che è disponibile in un negozio, il quale ha precedente caricato il proprio catalogo nella APP.

Le potenzialità sono enormi, un modo veramente innovativo di sfruttare la realtà virtuale e monetizzarci: infatti, la licenza di utilizzo della tecnologia di Modiface ha un prezzo alto, sino a 500.000 dollari l’anno.

Il makeup è soltanto una delle applicazioni, la chirurgia estetica è un altro settore che sarà colpito dalla novità: in basso alcuni video esplicativi sulla APP.

 

 

Fonte: Roberto Venturini

Previous post

Italia e Svizzera si incontrano a bordo del Trenino Rosso

Next post

La 4^O si affaccia sul web

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *