Home»tecnologia»Web e social»Web reputation: come proteggere la tua immagine in rete

Web reputation: come proteggere la tua immagine in rete

Questione di stile, questione di web reputation.
Non importa se non hai un’azienda o un brand da comunicare in rete oppure sì. Questo articolo parla a tutti noi che navighiamo nel mare del web e abbiamo attivato dei profili social. È fondamentale saper gestire la propria reputazione online per evitare di incappare in brutte situazioni.

Cercare informazioni online su qualsiasi cosa è ormai la regola al giorno d’oggi e spesso riusciamo a trovare quello che vogliamo. Sia che riguardi un brand, un’azienda, un fatto avvenuto ma anche una persona. Se ultimamente avete contrattato con un cliente, ampliato il vostro network su Linkedin o affrontato un colloquio di lavoro, state assolutamente certi che siete già stati “googolati”! Qualcuno, da qualche parte, avrà digitato il vostro nome (o quello della vostra azienda) nella barra delle ricerche e si sarà fatto una prima impressione sulla base di ciò che ha trovato. Per questo ho voluto affrontare il tema della Web Reputation, anche a livello personale.

Web reputation… chi cerca, trova!

Le persone reagiscono in modo differente. Il primo riflesso di molti è quello di nascondersi magari dietro a un settaggio della privacy molto ristretto, cambiando nome sui Social Network, cancellando il materiale più discutibile o comunque cominciando a spendere un po’ meno tempo online. Tuttavia, mantenere questo basso (e quieto) profilo non è la mossa giusta per preservare la propria reputazione (pensate che circa la metà degli adulti americani che ricercano informazioni su se stessi riferisce come i risultati che trovano non siano affatto positivi).

Web reputation
Mantenere la propria credibilità online è un processo che richiede un’attenzione costante

Web reputation, rendersi invisibili online non è la soluzione

Il motivo è presto detto. Nella giungla di Internet più o meno chiunque può scrivere qualsiasi cosa su di voi, purtroppo il più delle volte senza conseguenze. Un rivale geloso può creare un Blog post in forma anonima così come un cliente su tutte le furie può fare lo stesso con una recensione durissima.

Fare la scelta di rendersi invisibili probabilmente può aiutare ad assicurarci che non ci sia online (quasi) niente di compromettente sul nostro conto ma al giorno d’oggi rischia di non pagare. Se guardiamo infatti anche l’altro lato della medaglia, significa anche impossibilità di difendersi da eventuali attacchi digitali e di mantenere pulita e linda la propria immagine.

Nascondersi dietro un nome utente non identificabile o una gestione della privacy rigorosa, equivale oltretutto a lasciare totalmente via libera a un (eventuale) contenuto negativo sul vostro conto sui motori di ricerca.

Dunque cosa fare? Eccovi alcune azioni da intraprendere per cercare di difendere la vostra reputazione online!

Web reputation, fare un check della situazione corrente

La presenza online di ciascuno è unica. Prima di migliorare la vostra, dovrete conoscere lo status attuale: cercate il vostro nome e osservate cosa compare nelle prime pagine. Compaiono contenuti irrilevanti o addirittura poco idonei? Foto di feste, vecchi siti web o blog presitorici su cui scrivevate durante la vostra adolescenza? Beh, è il momento di fare piazza pulita ed immediatamente.

Sarebbe opportuno anche fare una revisione completa della vostra cronologia sui principali Social Network, per identificare aggiornamenti che potrebbero essere dannosi o comunque controversi (ovviamente se avete la certezza di essere immacolati potete saltare quest’ultima parte). Una volta ripulite le vostre bacheche sarete pronti per mostrarvi al mondo senza timori! A questo proposito potete utilizzare “Brand Yourself” per avere una mappatura dei risultati associati al vostro nome e per sopprimere possibili contenuti negativi.

Web reputation, registrare un dominio a proprio nome

Questo passo può essere a tutti gli effetti considerato come una delle più efficaci (e basilari) forme di assicurazione online. Prima di tutto vi metterà al sicuro da qualsiasi possibilità che un malintenzionato possa usarlo al vostro posto e utilizzarlo contro di voi in futuro. Ma sarebbe meglio fare molto più di questo! Costruite il vostro sito web personale e fatene l’organo centrale di informazione su di voi: includete la vostra biografia, esperienze, contenuti di blog (se possibile), progetti cui avete preso parte e anche eventuali riconoscimenti. Con un sito web in vetta ai risultati di ricerca, sarete certi che chiunque andrà a curiosare su di voi andrà a trovare precisamente cosa desiderate che trovino. Niente di meglio per un’ottima prima impressione!

Web reputation
L’acquisto di un dominio web personale vi metterà sempre al riparo da brutte sorprese

Web reputation, occupare tutti gli spazi possibili della Serp

Avere un sito web è un passo fondamentale ma andrà a occupare un solo spazio nei risultati di ricerca (massimo 2 o 3 se il sito è di una certa dimensione e alcuni sitelinks sono indicizzati per aiutare gli utenti alla navigazione). Tuttavia avete bisogno di 10 proprietà web per avere un (teorico) controllo totale della prima pagina della Serp. Un modo per farlo è quello di registrarsi a proprio nome su tutte le piattaforme Social più diffuse ma anche quelle leggermente meno popolari (tipo SlideShare o Crunchbase per nominarne alcune). Una volta fatto, ottimizzate e prendetevi cura dei vostri profili in modo da ottenere i massimi benefici in ottica Seo.

Web reputation, mantenersi attivi sui Social Media

Questa strategia porterà risultati sotto due aspetti:

  • i profili nel corso del tempo compariranno sui motori di ricerca
  • rappresenta una ulteriore opportunità per indirizzare traffico ben targetizzato verso il sito web.

Interagendo con costanza con il vostro pubblico andrete ad accrescere l’autorità e la fiducia verso i vostri canali. A proposito di questo: ricordatevi di rimanere autentici. La maggior parte degli utenti sa riconoscere un contenuto naturale dietro cui si cela una persona vera da un flusso di notizie automatizzato e statico: partecipare (e dare il via) a discussioni con i follower darà verosimilmente loro una buona ragione per continuare a seguirvi.

Web reputation, realizzare nuovi contenuti con frequenza

Costruire e ottimizzare un sito web e i profili social è solo metà del lavoro da affrontare. Dovete ancora dimostrare ai motori di ricerca che tutti questi canali hanno un valore tale per gli utenti da meritarsi un ranking di primo livello. Il modo migliore (e di cui sarete già al corrente)  è quello di pubblicare con regolarità contenuti originali, utili e fatti su misura del vostro pubblico, come in questo articolo in cui ho parlato del piano editoriale.

Non sapete da dove iniziare? Cominciate con il pubblicare piccoli articoli, video, infografiche o immagini Slide in modo da rendere il tutto più digeribile. L’obiettivo finale è quello di trovare degli argomenti cui i vostri seguaci siano genuinamente interessati e che, al contempo, facciano risaltare le vostre conoscenze e credibilità in materia.

Web reputation
La creazione di contenuti freschi e originali è il valore aggiunto di ogni brand o blog personale

I consigli che ho elencato finora sono ambivalenti, ossia validi e applicabili sia su voi stessi che a livello di Business. Tuttavia se vi trovate nella seconda condizione (ovvero quella di rappresentare un brand), potete adottare un altro paio di accorgimenti.

Web reputation, richiedere Google my business

Google My Business (precedentemente noto come Google Places) è un servizio di promozione valido per qualsiasi tipo di attività commerciale e integra il motore di ricerca con Google Maps e Google+. Prendersene cura in modo dettagliato, fornendo tutte le informazioni possibili, è importante al fine di dare un’immagine più professionale possibile. Prima di procedere è necessaria una verifica dell’azienda spesso effettuata con l’invio di un codice tramite posta ordinaria.

Incentivare le recensioni

Non avere alcuna recensione sui propri canali web, equivale grosso modo ad avere un rating da una sola stella! Considerate infatti che più del 90% dei consumatori si affida alla lettura delle recensioni Online prima di procedere a un acquisto: questo spiega da solo il perché avere giudizi positivi può dare un vantaggio competitivo inestimabile. Vi consiglio dunque di cominciare a incoraggiare i vostri clienti a lasciare le loro opinioni (in modo leggero e non intrusivo). Inserire un invito all’azione mirato sulla firma in calce delle vostre email, un badge sul sito web oppure degli adesivi all’interno dei vostri negozi può essere un buon inizio per iniziare a “stimolarli” in questo senso.

Aziende, clienti, recruiter, persone comuni: qualcuno sta raccogliendo informazioni su di voi. Prendere attivamente il controllo della situazione è il modo migliore per garantirsi che la presenza online rispecchi a pieno titolo l’immagine che volete dare. A presto! 🙂

Previous post

Made expo 2017 a Milano... Dal dire al fare

Next post

True Places, diventare ambasciatori del proprio territorio

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *